Una svolta “eurasiatica” per la Turchia?

  La recente attività internazionale del presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha suscitato illazioni e analisi su un possibile reorientamento della politica estera turca secondo una direttrice eurasiatica. Il mese di maggio si è aperto con la visita in India, in cui il presidente turco e il primo ministro indiano...

La fine di Ansar al-Sharia

Ansar al-Sharia ha comunicato ufficialmente a Bengasi il proprio scioglimento il 27 maggio scorso, ammettendo apertamente di aver subito pesanti perdite sul piano della linea di comando. L’organizzazione jihadista, un tempo di gran lunga la più potente tra quelle operanti in Libia, partecipò sia alla caduta del regime di Gheddafi...

Il limbo algerino

Le elezioni algerine dello scorso 4 maggio hanno confermato in pieno i timori così come le previsioni fatte alla viglia del voto. Dei 23 milioni di aventi diritto, solo il 38,25% si è recato alle urne, facendo registrare la più bassa affluenza degli ultimi tre decenni, confermando le aspettative pre-elettorali...

L’incontro di Abu Dhabi: una svolta per la crisi in Libia?

Il compromesso Il 2 maggio scorso, il generale Khalifa Haftar e il presidente Fayez al-Serraj si sono incontrati ad Abu Dhabi, dopo che Haftar aveva precedentemente rifiutato di incontrare al Cairo al-Serraj attraverso la mediazione dell’Egitto. Le discussioni tenutesi nella capitale degli Emirati arabi uniti aprono nuovi scenari nella crisi libica....

Serraj-Heftar: un vertice sbagliato

  Ha avuto luogo ad Abu Dhabi il 2 maggio scorso un vertice fra Serraj, il capo del Consiglio di Presidenza nato dagli Accordi di Skhirat del dicembre 2015, e Heftar, il generale che domina l’est del paese e non riconosce quegli accordi. L’incontro, definito da qualche fonte positivo, è stato...

Libano al bivio

Il Libano fluttua nell’ennesimo pantano politico. L’attuale parlamento, eletto nel 2009 e prorogato ben due volte, nel 2013 e nel 2014, arriverà a scadenza il prossimo 21 giugno senza essere riuscito, a distanza di quattro anni dalla sua scadenza naturale, a realizzare ciò che giustificava la duplice estensione: raggiungere...

In Algeria rischia di trionfare l’astensionismo

Il prossimo 4 maggio gli elettori algerini si recheranno alle urne per eleggere il nuovo Parlamento, in una tornata elettorale che si presenta da tempo complessa per molte ragioni. L’anziano Presidente Abdelaziz Bouteflika, il cui stato di salute è progressivamente deteriorato nel corso degli ultimi anni, rappresenta l’elemento caratterizzante di...

Doccia fredda per Gentiloni negli USA sulla Libia

La visita del Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni negli Stati Uniti e Canada dal 19 al 21 aprile è stata in buona parte concepita per discutere dei grandi temi di interesse dell’Italia nel Mediterraneo, Libia e migrazioni in primis, e per rafforzare il legame tra Roma e Washington dopo...

Il Fezzan nuovo centro dei contrasti nazionali libici

Quando si parla di Libia, si pensa tradizionalmente alla fascia costiera del paese. I nomi ricorrenti delle città, anche in questi ultimi anni di guerra, sono infatti, il più delle volte, quelli delle città della costa: Tripoli, Misurata, Sirte, Bengasi, Tobruk, Derna sono tutte città affacciate sul Mediterraneo. Il...

No di Ankara all’operazione Raqqa con PYD e PKK

Alcun supporto materiale, logistico e nessun invio di soldati all’imminente liberazione della città siriana di Raqqa dalle mani del sedicente Stato Islamico in assenza di alleati “moderati”.  Pare essere questa al momento la scelta della Turchia, membro NATO e attore chiave nell’intricato scenario mesopotamico. Il governo di Ankara, nonostante l’impegno...

Articoli più recenti

Gli Stati Uniti progettano una nuova strategia per la Libia

  In modo alquanto sorprendente, il 10 luglio scorso alcuni funzionari della Casa Bianca hanno annunciato la possibile definizione di una nuova politica nei confronti...

Ultimatum al Qatar