Immigrazione, l’UE verso un accordo con l’Egitto

0
400

La guerra civile in Siria, il caos libico e la costante minaccia dello Stato Islamico sono i principali fattori che hanno intensificato le partenze di migranti dall’Egitto. I profughi, provenienti dal continente africano e dal Medio Oriente, non avendo la possibilità di percorrere la rotta turco-greca e quella balcanica, raggiungono i porti egiziani e da qui s’imbarcano per approdare sulle coste siciliane e calabresi. Il recentissimo naufragio a largo dell’Egitto ha riportato l’attenzione sulla questione dell’immigrazione e, soprattutto, sulla necessità di ridurre anche i flussi migratori provenienti dalla direttrice egiziana. L’Unione Europea è intervenuta a tal proposito convocando a Vienna un mini-vertice, nel corso del quale la Germania e i paesi della rotta balcanica hanno discusso sull’ipotesi di introdurre nuovi strumenti a disposizione di Frontex, a partire dall’implementazione di un accordo con l’Egitto e con altri Stati africani e mediorientali al fine di contenere il numero degli sbarchi. Nel frattempo, in Egitto, il generale Al Sisi ha rafforzato i controlli lungo il confine e ha fatto sapere alla Cancelliera Merkel che i lavori per l’approvazione della nuova legge contro l’immigrazione illegale procedono senza sosta. Una norma che va a colpire i profughi senza documenti e i minori non accompagnati e che rafforza l’impegno egiziano nella lotta contro i trafficanti di uomini, per i quali è previsto il carcere e sanzioni penali. Il fenomeno migratorio ha infatti raggiunto dimensioni preoccupanti anche nell’Egitto di Al Sisi, al quale l’Unione Europea – secondo il modello Turchia – potrebbe quindi destinare un milione di dollari, oltre al prestito garantito dal Fondo Monetario Internazionale, se il Generale dovesse riuscire a contenere i flussi migratori fuori controllo. Risorse doppiamente utili per un paese piegato da una crisi economica, che potrebbe compromettere la stabilità politica interna dell’Egitto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here